Foto di Giacomo Morini ©
Rassegna stampa

Europa, 5 ragioni per cui ACF può farcela a raggiungerla

Manca ancora molto da fare in questa stagione, ma la Fiorentina di Vincenzo Italiano può permettersi già di sognare in grande per la zona Europa

Sono passati, ormai, quasi 7 anni dall'ultima volta che la Fiorentina riuscì a qualificarsi in zona Europa. Era la stagione 2015/2016 ed al culmine di un gran campionato con alla guida Paulo Sousa, i viola riuscirono a qualificarsi al quinto posto.

Quest'anno con Vincenzo Italiano la società gigliata può tornare a puntare alla qualificazione per le coppe intercontinentali e l'edizione odierna de La Nazione ha provato a fornire cinque motivi per cui la missione non dovrebbe costituire un problema per i viola.

Il primo vede il possibile scontro diretto con la Roma, la pretendente forse più forte per la conquista di un posto in Europa, ma da calendario alla terzultima giornata. Un'opportunità, dunque, migliore per i viola che potranno, nel frattempo, guadagnare più punti possibili prima dello sprint finale. Oltre a quello, c'è da considerare, come seconda motivazione, l'altro scontro diretto con l’Atalanta che però è a favore dei viola.

Da qui a fine stagione, si possono catalogare tra le sfide più difficili quelle contro Roma e Juventus, ma entrambe saranno da giocare al Franchi, il dodicesimo uomo a disposizione di Italiano: e qui siamo a tre motivi per cui l'Europa è raggiungibile. Al quarto il quotidiano inserisce, ovviamente, la gara con l’Udinese ancora da recuperare sempre in casa.

Infine e per quinta ragione, come afferma mister Italiano e sottolinea il suddetto quotidiano: “Non ci devono essere limiti, ma soltanto orizzonti”. Mai come quest'anno la Fiorentina dovrà spingere l'acceleratore fino all'ultima giornata senza accontentarsi mai.

LEGGI ANCHE: Castrovilli, ecco come ha convinto mister Vincenzo Italiano

LEGGI ANCHE: Verso l'Inter, Italiano ha tutti a disposizione: le scelte

Commenti

FiorentinaUno, segui i nostri profili social: Instagram, Facebook e Twitter
Qui Inter, regna il nervosismo: ACF può approfittarne?