Su La Nazione si legge un articolo a firma di Cosimo Zetti incentrato sul tecnico della Roma, Josè Mourinho.  Ricordiamo che il club giallorosso domenica affronterà la Fiorentina.

Ecco un estratto dell'articolo:

“L’allenatore portoghese è un maestro della comunicazione, solo che qualche volta rischia di passare dalla comunicazione alla provocazione. Come considerare altrimenti le dichiarazioni sull’arbitro Marcenaro prima della gara col Sassuolo? “Non ha la stabilità sufficiente emozionale per una partita di questo livello” aveva detto lo Special One. E ancora:  ”Vedrete che con Marcenaro, Mancini prenderà un giallo dopo 10 minuti e salterà la Fiorentina". Il cartellino che non è stato sventolato in faccia a Mancini (nonostante lo meritasse davvero) e la conseguente mancata squalifica del giocatore potrebbero essere un’indizio della capacità di condizionamento di certe prese di posizione. E le risposte in portoghese a chi lo intervistava in italiano? Mah... Il problema è che certi comportamenti rischiano di falsare una gara già prima del suo inizio. I tifosi lo hanno capito e le prese di posizione si sprecano: "Tanto un rigorino gnene danno", dice ancora vox populi in relazione alla gara di domenica sera...".

Mourinho

Potrebbe interessarti anche:

https://www.fiorentinauno.com/news/280266444294/franchi-de-sinopoli-ecco-cosa-chiediamo-noi?et

 

Agostinelli:"Ultima stagione di Italiano alla Fiorentina..."
"Italiano si è convinto che serve una Fiorentina titolare"

💬 Commenti