Due temi, strettamente legati tra di loro, stanno tenendo banco negli ultimi tempi. Parliamo del nuovo Franchi e degli Europei 2032. Sulla questione si è espresso, al giornale L'Avvenire, anche il presidente della FIGC, Gabriele Gravina.

Ecco qui le sue parole:

 “Noi non possiamo costruire direttamente gli stadi, l'unica cosa che possiamo fare è parlare con i sindaci e con il governo per cercare di togliere un po' di burocrazia dalle attività imprenditoriali. Entro il 10 ottobre dovevamo comunicare le dieci città dell'Europeo, e in gran parte abbiamo dovuto fornire foto di progetti e non di impianti già realizzati. Entro ottobre 2026 dobbiamo scegliere le cinque sedi definitive di Euro 2032, i cui stadi dovranno essere cantierati entro marzo 2027. Mi auguro che nel frattempo l'Italia abbia almeno dieci stadi di proprietà”. 

gravina

Potrebbe interessarti anche questo contenuto su Mourinho:

https://www.fiorentinauno.com/news/288722161158/offese-in-campo-mourinho-se-la-cava-con-una-multa?et

Zirkzee: "Non siamo quarti per caso. Vogliamo vincere"
Oliveira e razzismo: “Episodi che ho vissuto solo in Italia"

💬 Commenti