Commisso (ph. G.Morini)
Commisso (ph. G.Morini)

All'interno del suo articolo per La Nazione, Riccardo Galli, traccia un'analisi della fase di mercato invernale della Fiorentina.

Ecco quanto scrive:

 

"Un disavanzo (in negativo) di 450mila euro. Che poi è la semplice, semplicissima, differenza fra quanto pagato per arrivare al prestito di Belotti e quanto incassato dalla cessione a titolo temporaneo di Brekalo. Tutto il resto sono state voci, trattative, proposte inascoltate, affari, come l’idea Gudmudsson che prima hanno fatto sognare e poi arrabbiare. Tutti. Così alla fine il mercato di gennaio della Fiorentina passa in archivio senza sussulti. E senza sorprese. E il bilancio di quel meno 450mila euro a carico della società ne è la dimostrazione più lampante. A livello tecnico il discorso appare invece leggermente meno facile da rileggere, anche perché, tornando a quanto detto poco prima di Natale, dopo la partita di Monza, da Italiano, rimane la discrepanza fra quelle che erano le esigenze tattiche messe sul piatto dell’allenatore e i due affari portati a termine. Se con l’arrivo di Faraoni si è infatti ricoperta la casella lasciata semivuota dal brutto ko di Dodo (con il solo Kayode come rimpiazzo), è sulle corsie esterne – punto focale dell’assetto della Fiorentina di Italiano – che ci si aspettava il movimento più atteso".

bel

Leggi anche:

https://www.fiorentinauno.com/news/174838418950/galli-il-mercato-ha-destabilizzato-gruppo-e-allenatore?et

Bucchioni: “La Fiorentina ha perso il senso di squadra”
Mentre la Fiorentina piange, Kouame esulta. I dettagli

💬 Commenti