News

Ferrara: "Sconcerti grande giornalista con la Fiorentina nel cuore"

Queste le parole di Benedetto Ferrara che ha parlato del collega scomparso ieri Mario Sconcerti

Benedetto Ferrara sulle pagine de La Nazione ricorda il direttore Mario Sconcerti, che ieri è scomparso all'età di 74 anni: "Irruento, appassionato, umorale, istrionico, nemico giurato di ogni banalità, di ogni frase fatta. La Fiorentina nel cuore, il giornalismo come missione, una carriera vissuta sul podio dei migliori. Amava la bella scrittura, godeva nel «fare» il giornale, anche a Firenze. Era l’autunno del 1988, iniziava la sfida nella sua città, quella che amava spremendosi il cuore e con la quale spesso litigava. Amava la Fiorentina e la storia, che studiava con voracità. Le tattiche militari degli antichi, la vita di Napoleone. Aveva fame di cultura e rispettava chi ne aveva più di lui, perché, come tutte le persone intelligenti, conosceva l’umiltà".

Prosegue parlando della sua esperienza alla Fiorentina: "Ci aveva infilato dentro l’anima a forza perché ci credeva. Era “La” missione, e per questa ha lottato fino a starci male, combattendo con tutti in nome di quell’amore infinito. Ha perfino litigato col suo mito Antognoni e ne aveva sofferto. Poi è uscito di scena per tornare a fare il suo mestiere, il direttore. Sconcerti era divisivo, originale, ironico. Uno di quelli che stavi sempre a sentire perché ti diceva sempre quella cosa a cui non avevi pensato. I grandi maestri sono fatti così".

Commenti

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
Amrabat, ecco quando rientra in gruppo