ln trenta giorni la Fiorentina dovrà affrontare ben 9 sfide, tra Campionato, Coppa Italia e Conference League. ll Corriere Fiorentino questa mattina si è occupato proprio di questo.

ll rush finale della Fiorentina

Italiano ha di fronte a se, una situazione molto simile a quella vista lo scorso anno, quando, proprio nel momento decisivo della stagione, è stato capace a incitare il gruppo con lo scopo di tirare fuori tutto il meglio dei gigliati. Quelli furono mesi complessi ed esaltanti, che si tradussero in una cavalcata inarrestabile, anche se alla fine la viola non riuscì a  portare a casa nessun trofeo. 

stemma della Fiorentina

Assenze importanti per la squadra

Tra i rientri fondamentali per la squadra si può annoverare senza dubbio quello di Dodò, il quale, dopo l'infortunio che lo ha costretto a un lungo stop, è tornato in campo contro il Maccabi nell’ultima gara viola giocata. Poi c'è Kouame, la cui assenza in campo in questi tre mesi si è fatta sentire, portando anche a rivalutare l'importanza stessa dl calciatore e il suo apporto alla squadra. E per chiudere: Castrovilli, il quale non gioca una gara ufficiale con la prima squadra dall’ultima giornata dello scorso campionato, ossia dal 2 giugno del 2023. Come ben sappiamo, però, il tecnico Italiano ha grande stima del giocatore pugliese, quindi è più che lecito pensare che possa impiegarlo nei prossimi decisivi impegni. Castrovilli è effettivamente abile in diversi ruoli, può quindi giocare come mediano, rifinitore o mezzala, è un vero è proprio jolly.

 

Pedullà: “ Gudmundsson voleva davvero la Fiorentina”
Koopmeiners: problemi in Olanda, ma torna con la Fiorentina

💬 Commenti