Foto di Giacomo Morini ©
News

Ruben Oliveira: "Fiorentina sterile. Torreira? Campionato strepitoso"

Le parole su Juventus-Fiorentina dell'ex viola

L'ex viola, Ruben Oliveira, ha parlato in esclusiva a Tuttomercatoweb. Queste le sue dichiarazioni su Juventus-Fiorentina:

"Un'ottima Fiorentina che si è caratterizzata per un bel palleggio. La Juve si è coperta e ha cercato le ripartenze dopo aver segnato il primo gol. La Fiorentina ha messo sotto gli avversari, però è stata sterile, è mancato l'ultimo passaggio filtrante, il tiro da fuori. Come organizzazione si è comunque dimostrata ottima".

Titolarità Dragowski? "Terracciano in effetti è andato molto bene. Dragowski ha responsabilità su quell' uscita un po' imprevista, per un portiere di questi livelli non ci voleva".

Ikoné? "Non è molto decisivo, almeno così. Castrovilli si è fatto male e stava andando anche bene. Peccato per questo ragazzo che tra l'altro ultimamente stava ritornando su buoni livelli. Ikonè, ripeto, è stato poco incisivo, ha giocato forse in un ruolo non suo e ha trovato poco spazio. Giocando sulla fascia può fare la differenza, ma evidentemente Italiano aveva pensato ad un altro tipo di scelta dopo averla soppesata bene".

Europa League? "Li vedo bene, ho seguito le partite della Fiorentina che pian piano sta diventando più solida".

Concretezza? "Ora ci sono da affrontare anche squadre che devono salvarsi. La Salernitana ad esempio ora è di nuovo in gioco. Occorre stare attenti, affrontare le piccole ora è più complicato ma la qualità delle due rose non si discute. Va bene anche vincere uno a zero".

Torreira? "Ha fatto un campionato strepitoso, non avevo dubbi. E' rinato a Firenze, in un ambiente giusto per fare calcio. Ha segnato 5 reti, è spesso decisivo. Sono contento anche di Cabral, ottimo attaccante che con un altro campionato di esperienza farà parlare molto bene di sè. E' un giocatore moderno, veloce, tecnico e forte di testa".

Commenti

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
Torreira sui social: "L'infortunio mi terrà fuori, ma confido nei miei compagni"