Bernd Reichart, CEO della Superlega, ha commentato a caldo la sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea che ha dato il via libera in favore della nuova competizione calcistica tra le squadre d'élite dell'Europa, per cui ora il progetto può partire.

Queste le parole di Reichart:

 "Abbiamo ottenuto il diritto a competere. Il monopolio della UEFA è finito, il calcio è LIBERO. Adesso i club non riceveranno più minacce e sanzioni. Sono tutti liberi di decidere il proprio futuro".

super


Ecco di seguito anche la sentenza della Corte di Giustizia UE:


"Le regole FIFA e UEFA subordinano alla loro previa approvazione qualsiasi nuovo progetto calcistico interclub, come ad esempio la Super League e il divieto ai club e ai giocatori di giocare in quelle competizioni sono illegali. Non c'è quadro normativo FIFA e UEFA che garantisca che siano trasparenti, oggettive, non discriminatorie e proporzionate. Allo stesso modo, le norme che conferiscono alla FIFA e alla UEFA il controllo esclusivo sullo sfruttamento commerciale dei diritti connessi a tali concorsi sono tali da restringere la concorrenza, data la loro importanza per i media, i consumatori e telespettatori nell’Unione europea.

La Corte rileva che l'organizzazione di competizioni calcistiche interclub e lo sfruttamento dei diritti media sono, evidentemente, attività economiche. Devono quindi rispettare le regole della concorrenza e rispettare le libertà di movimento, anche se l'esercizio economico dello sport presenta alcune specificità caratteristiche, quali l'esistenza di associazioni dotate di determinati poteri di regolamentazione e controllo e il potere di farlo imporre sanzioni. La Corte rileva inoltre che, parallelamente a tali competenze, anche la FIFA e l'UEFA organizzano competizioni calcistiche.

La Corte ritiene poi che, qualora un'impresa in posizione dominante abbia il potere di determinare le condizioni alle quali le imprese potenzialmente concorrenti possono accedere al mercato, tale potere deve, date le rischio di conflitto di interessi che ne deriva, essere sottoposto a criteri idonei ad assicurarne la sussistenza siano trasparenti, oggettivi, non discriminatori e proporzionati. Tuttavia, i poteri della FIFA e della UEFA lo sono non soggetto a tali criteri. La FIFA e la UEFA stanno quindi abusando di una posizione dominante. Inoltre, data la loro natura arbitraria, le loro norme in materia di approvazione, controllo e sanzioni devono essere ritenute valide restrizioni ingiustificate alla libera prestazione dei servizi".

Leggi anche:

https://www.fiorentinauno.com/news/298385837574/commisso-ll-franchi-come-un-trofeo-noi-non-vogliamo?et

 

L'importanza di Terracciano, quando il silenzio fa rumore
Da Bagno a Ripoli arriva il via libera al Viola Parking

💬 Commenti