Lucas Beltrán
Lucas Beltrán

 Con il girone d'andata praticamente archiviato, è tempo di fare bilanci in casa Viola. Il dilemma più grande che tormenta le notti di Vincenzo Italiano è il dualismo tra Lucas Beltrán e Mbala Nzola, le due punte acquistate nel mercato estivo per sostituire Jovic e Cabral. Nè l'argentino né l'angolano hanno convinto pienamente e l'allenatore siciliano li alterna praticamente a ogni partita, nella speranza che almeno uno si sblocchi definitivamente. Ma al giorno d'oggi chi ha reso di più?

Beltrán segna di più, ma Nzola è molto più nel vivo del gioco

L'argentino, in Serie A, ha segnato 3 gol: uno alla Salernitana,  uno al Verona e e uno nello scorso turno a Monza. Rendimento al di sotto delle aspettative generate dal grosso investimento fatto da Commisso per portarlo in Italia dal River Plate, dove aveva fatto intravedere grandi qualità e un buon fiuto del gol. L'angolano, invece, è fermo a quota 1 gol nel campionato italiano ma ha calciato più volte nello specchio, ha vinto più duelli aerei e ha completato più passaggi  per i compagni. Fortemente voluto da Italiano, l'ex Spezia ha fatto vedere impegno e sacrificio, ma è risultato poco freddo sotto porta. Tutto sommato, si potrebbe dire che i due hanno reso allo stesso modo: insufficiente. 

Nzola
Mbala Nzola

I due attaccanti in campo contemporaneamente: una soluzione o un azzardo?

Nelle ultime uscite, si sono visti segni di risveglio in entrambi e più di qualche tifoso vorrebbe vederli giocare insieme come successo contro il Parma, in Coppa Italia. Italiano, però, non sembra ancora troppo convinto da questa opzione perché sbilancerebbe molto la squadra: potrebbe trattarsi dunque solo di una soluzione d'emergenza. In ogni caso, l'unica cosa certa è che questa alternanza non fa assolutamente bene a nessuno dei due e all'attacco della Fiorentina, che fino a ora ha gravato quasi interamente sulle spalle di Nico González e Bonaventura, che però di ruolo sarebbero uno esterno e uno centrocampista. Quanto ancora dovrà durare questo eterno dualismo? La società dovrebbe prendere un'altra punta o farebbe meglio ad aspettare che le cose vadano meglio? Fino a quando dovranno essere Nico e Jack a tirare il carretto là davanti?

Leggi anche: Ferrara: "Mercato Fiorentina? Serve una riserva di Kayo e Nico. Nzola? Può partire se.."

L'importanza di Terracciano, quando il silenzio fa rumore
Fiorentina, i preparativi verso Monza: sulle due punte...

💬 Commenti