Il giornalista Angelo Giorgetti è intervenuto negli studi di RTV38. Qui ha parlato della Fiorentina.

Ecco le sue parole:

“Ho visto una partita in cui era necessaria una scossa ed è arrivato uno scossone. Non era scontato reagire, soprattutto dopo le parole di Biraghi post Lecce. Mi ha fatto un gran piacere il fatto che la Fiesole si sia esposta pro Italiano e gruppo squadra, dando un chiaro messaggio di vicinanza. Bravi tutti e soprattutto bravo Belotti. Nzola? In tanti hanno fatto riferimento alla sensibilità del ragazzo. È sempre difficile misurare quanto la pressione possa essere sopportata dal cervello di un calciatore. Sinceramente, a 27 anni, mi sarei aspettato molto di più da Nzola. Ikoné? Tante volte ha fatto la giocata del primo gol di Belotti, questa volta ha fornito l’assist grazie al movimento giusto del numero 20.”

fiorentina in campo

Ecco cosa aveva detto il giornalista pochi giorni fa:

"Fiorentina? Il rischio che si sia rotto qualcosa c’è, e ci sono molti indicatori. Italiano dichiarò in conferenza di non aspettarsi nulla dal mercato, detto con un tono come se la scelta non fosse condivisa con la società. La partita contro il Frosinone sarà importantissima, molto più di altre. Dispiace vedere questa situazione a Firenze, con la squadra ancora in corsa per tutte e 3 le competizioni. Nzola? Non mi spiego la sua non sostituzione con il Lecce. Penso sia la sua prima volta in carriera da esterno destro e le difficoltà si sono notate. Italiano? La formazione vista con li Lecce è stata adattata alle situazioni e alle emergenze. Per cercare di recuperare sono state inserite 4 punte e questo fa capire che regna un po' la confusione. Non credo che il tecnico si sia autosabotato insistendo con il suo modulo per far capire alla società di non essere stato accontentato sul mercato."

Napoli, Esposito non ci sta: "Risultato bugiardo. Milan messo all'angolo e se ci fosse stato.."
La Fiorentina Femminile vince ancora. Qui i dettagli

💬 Commenti