News

Fiorentina, e la sindrome dei gol allo scadere

La Fiorentina sta continuando la pessima tradizione ormai diventata sindrome, di subire i gol negli ultimi minuti

L'ultima in ordine di tempo è quella di quasi una settimana fa, ovvero contro il Milan: autogol di Nikola Milenkovic con annesse polemiche e 3 punti per i rossoneri; resoconto Fiorentina con zero punti per un gol subito al 92° minuto.

Un triste e sfortunato episodio che però in casa viola non è così raro, anzi. Sembra quasi una pessima tradizione o per meglio dire un complesso di sintomi che denunciano una malattia: una sindrome.

L'anno scorso è capitato parecchie volte:

Sassuolo-Fiorentina: Defrel sigla il definitivo 2-1 al 94° minuto e viola sconfitti; la storia si ripete in Coppa Italia sia andata che ritorno contro la Juventus: nel match al Franchi Venuti fa un autogol al 91° e ritorno da costruire; la squadra gigliata ci prova infatti, il match rimane in bilico fino al minuto 94 quando Danilo segna il 2-0 e rimonta sfumata nonostante la Fiorentina abbia espresso un ottimo calcio; succede anche contro la Salernitana qualche settimana dopo con Bonazzoli che segna il 2-1 nei minuti finali e sempre lo scorso anno, ancora contro il Milan, la viola gioca un grande match a San Siro contro i rossoneri che corrono verso lo scudetto: Fiorentina sfacciata e coraggiosa ma Leao nel finale spezza le gambe e viola ancora a casa con un gol subito nel finale.

Quest'anno la musica non cambia e la viola si ripete; Fiorentina-Lazio: due gol subiti nel finale (il 4-0 al 91° minuto); Fiorentina-Inter: match tiratissimo, bellissimo con la viola che rimonta due volte ma al 95° minuto i nerazzurri beffano la squadra di Italiano ed infine l'ultima, la più recente contro il Milan.

Il mister ha più volte ripetuto il concetto di concentrazione e di attenzione fino al termine del match, ma sinceramente perdere partite così rischia di diventare una malattia da cui viene difficile guarire.

Commenti

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
Kouamè, gioca con la nazionale e...