News

Kouamè, l'uomo della redenzione: da scarto a essenziale

È senza dubbio Kouamè il giocatore che ha cambiato volto a questa squadra, dal gol contro la Juventus a quello di Edimburgo

Questa mattina la Gazzetta dello Sport parla di di Kouamè come: “L’uomo che non doveva esserci, ma che è diventato una presenza fondamentale. L’uomo che doveva andar via, nel gioco delle tre carte degli attaccanti della Fiorentina è quello che vien sempre pescato”. 

Christian Kouamè, rientrato dal prestito all’Anderlecht, aveva la valigia pronta in estate. Poi causa offerte non soddisfacenti è rimasto e adesso è il più ispirato della truppa di Vincenzo Italiano là davanti. Eroe di Scozia L’altra sera, nella partita decisiva per correggere la rotta in Conference League contro gli Hearts of Midlothian a Edimburgo è stato il migliore in campo. 

Un gol stupendo in rovesciata a mettere al sicuro il risultato dopo il vantaggio di Mandragora. E poi l’assist che ha consentito finalmente a Jovic di sbloccarsi. In mezzo, una super prestazione, fatta di scatti, scambi e conclusioni. Un punto di riferimento preciso quando serviva il lancio per alleggerire la, poca per la verità, pressione. 

Adesso, nelle gerarchie Kouamè ha scavalcato Ikonè e nel tridente ha conquistato il posto fisso. L’uomo che non doveva esserci ha 7 presenze su otto partite di campionato, con un gol e un assist. E in Europa ha giocato sempre, bissando gol e assist appunto a Edimburgo.

Garanzia In un attacco finora arido, lento e prevedibile, l’attaccante della Costa d’Avorio è stata la scintilla che ha riacceso il reparto. Magari sbaglia qualche conclusione, a volte è precipitoso, ma il suo rendimento non si discute. Italiano terrà un posto per lui anche contro la Lazio, c’è da scommetterci. 

Commenti

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
Jovic, è solo l'inizio: ora devi crederci