Rassegna stampa

Commisso, i rapporti con gli allenatori non sono mai decollati

Una disamina della rosea odierna analizza il difficile rapporto avuto dal presidente della Fiorentina Rocco Commisso con i quattro allenatori da quando è in carica

Nel corso degli ultimi tre anni dall'approdo del presidente della Fiorentina Rocco Commisso nel calcio italiano si sono susseguiti ben 5 allenatori: ognuno con una storia diversa e particolare. Il primo è stato Vincenzo Montella, che però non arriva a fine dicembre essendo esonerato il 21 dicembre 2019 dopo 4 vittorie in 17 partite. 

Montella - continua l'edizione odierna de La Gazzetta dello Sporti - viene sostituito da Giuseppe Iachini, che agguanta la salvezza con quattro turni di anticipo . Commisso decise di confermarlo, ma il successivo 9 novembre 2020, dopo alcuni brutti risultati, deve abbandonare la panchina. A quel punto arriva Cesare Prandelli, ma il 23 marzo 2021, dopo una serie altalenante di risultati, si dimette per motivi personali con un bilancio di 6 vittorie, 6 pareggi e 11 sconfitte. 

Sulla panchina viola torna Iachini, che centra nuovamente l’obiettivo della salvezza ma poi saluta definitivamente. All’inizio di giugno del 2021 la Fiorentina sceglie il nuovo allenatore: è Gennaro Gattuso, ma ventitré giorni dopo l’accordo e la firma del contratto, che non era ancora stato depositato in Lega, arriva la clamorosa separazione. 

Infine, Vincenzo Italiano il 2 luglio 2021, a seguito del quale dà il via ad una stagione sensazionale con l'Europa centrata. Il rinnovo di contratto di quest'ultimo, però, non è ancora arrivato.

LEGGI ANCHE: Italiano-Fiorentina, ecco cosa manca davvero per arrivare al rinnovo

LEGGI ANCHE: Mercato Fiorentina, ultimatum allo Shakhtar per Dodô: se non arriva...

Commenti

FiorentinaUno, segui i nostri profili social: Instagram, Facebook e Twitter
Mercato Fiorentina, c'è Belotti: ma Italiano è un problema. In Francia...