News

Pulgar: "Amo il calcio, è la mia passione. Firenze? Rapporto coi fiorentini stupendo"

Il centrocampista cileno si è raccontato ai canali ufficiali della Fiorentina

Il centrocampista della Fiorentina, Erick Pulgar, si raccontato ai microfoni dei canali ufficiali del club viola. Queste le sue parole dal sito della Fiorentina: "Ho ventisette anni, non mi definirei anziano, ma sicuramente il tempo che ho trascorso in Cile è quello a cui sono legati i ricordi a cui sono più affezionato. Giocare a calcio per strada, tra le macchine, con gli amici. Ad Antofagosta vivevo nella parte alta della città, quindi quando il pallone rotolava dalla collina dovevamo andare a cercarlo lontano da casa. Quelli sono i miei ricordi più belli. Sul petto mi sono tatuato la via in cui vivevo e una frase che mi ricorda di quel periodo. Non si ricordano i giorni ma gli attimi. E quegli attimi sono assolutamente ricordi indelebili".

Calcio? "È una passione. Amo il calcio dal giorno in cui sono nato, e si può dire la stessa cosa per mia madre. Lei aveva sempre un pallone con cui potevo giocare, e anche quando non lo aveva trovava qualcosa che potessi usare come pallone. Per me, il calcio è tutto."

Cile? "Sicuramente sono molto legato alla famiglia, agli amici, al quartiere in cui sono cresciuto. La lontananza a volte fa venire malinconia. Quando si avvicina il momento di tornare in Cile, nel mio caso per i raduni della nazionale, per rappresentare il mio Paese, è un orgoglio per me e per la mia famiglia. Giocare per la nazionale e rappresentare il mio Paese è un orgoglio. Condividere lo spogliatoio con giocatori storici della nazionale cilena è per me ragione di orgoglio e una grande occasione di imparare, sia a livello calcistico sia personale. Per me che sono un centrocampista giocare al fianco di Vidal è un onore enorme. Giocare accanto a giocatori come lui e Charles Aránguiz è incredibile. Sono giocatori storici e come dicevo sono grato di poter giocare con calciatori del loro calibro".

Tatuaggi? "Uno dei miei tatuaggi raffigura il quartiere in cui vivevo, ho anche i nomi dei miei fratelli, di mia mamma, di mio padre e lo stemma della squadra del mio quartiere, quella in cui ho cominciato a giocare, si chiama Miramar Sur Este. Ho anche tanti tatuaggi che hanno un significato religioso, la mia famiglia è credente; ho anche il tatuaggio di una preghiera per la mia famiglia e i miei amici, ossia le persone che sono con me nei momenti positivi e in quelli negativi".

Amici nel calcio? "Da quando sono calciatore professionista siamo distanti, questa è l'unica cosa che è cambiata rispetto a quando vivevo in Cile. Quasi tutti i miei amici erano miei vicini di casa. Adesso ci sono i social, abbiamo un gruppo su Whatsapp con i gli amici d'infanzia. Ci teniamo in contatto grazie a quello”.

Essere calciatore? "È sempre stato il mio sogno. A scuola non ero molto bravo. Grazie a Dio sono stato fortunato, mia mamma mi ha permesso di continuare a giocare a calcio. È arrivato un momento in cui sono stato costretto a scegliere tra la scuola e il calcio, perché gli orari degli allenamenti coincidevano con quelli delle lezioni. Ho detto a mia mamma che volevo diventare professionista, le ho chiesto di poter lasciare la scuola per inseguire il mio sogno. Grazie a Dio è andata a bene, grazie ai miei sforzi e alla mia perseveranza".

Sacrifici nella vita? "La vita del calciatore a volte è difficile. Credo che uno dei sacrifici più grandi, di cui però non mi sono mai lamentato, è stato quando per andare da casa mia al centro dove ci allenavamo camminavo trenta/quaranta minuti. Dal lunedì alla domenica, tutte le mattine dovevo fare quella strada a piedi. Lo ricordo come uno dei momenti migliori della mia vita. Non mi sono mai lamentato di dover camminare quaranta minuti, perché stavo inseguendo il mio sogno. Sapevo che quella era la mia strada".

Calci di punizione? "Il periodo che ho trascorso a Bologna è stato sicuramente quello in cui mi sono allenato di più sulle punizioni, sui calci d'angolo, i rigori. Ci allenava Sinisa Mihajlovic, che è un amante dei calci piazzati. Una volta alla settimana ci allenavamo quaranta minuti/un'ora a calciare punizioni, rigori e calci d'angolo. Credo che allenandomi con lui ho potuto imparare da uno dei Grandi dei calci piazzati".  

Fare il centrocampista? "Il centrocampista non è un ruolo facile. Si gioca nel centro nevralgico del gioco, il luogo da cui iniziano tutte le azioni. Bisogna stare molto attenti, bisogna guardarsi le spalle e allo stesso tempo pensare ad attaccare. L'unico consiglio che mi sento di dare è di avere una visione a 360° di quello che succede in campo. Bisogna sapere in qualsiasi momento se il compagno è libero, per poter giocare di prima. Devi saper fare tutto bene, al minimo errore si rischia di perdere palla nella propria metà campo e di concedere un'occasione in fase offensiva agli avversari. È fondamentale essere attenti e concentrati al 100% su tutte le giocate".

Numero sulla maglia? "Avevo scelto il 78 perché avevo chiesto su Whatsapp, sul gruppo di famiglia, che numero preferivano scegliessi e tutti mi avevano risposto dicendo il giorno del loro compleanno. Alla fine quindi avevo scelto l'anno di nascita di mia madre. Adesso invece ho scelto il 15, che è uno dei miei numeri preferiti e il giorno del mio compleanno. Quella per cui scelgo di mettere "Erick" sulla maglietta è una storia abbastanza lunga. Pulgar è il nome di mio padre biologico, con il quale non ho mai avuto molti contatti. Sono stato cresciuto dal mio patrigno, Pablo Araya, che reputo il mio vero padre. Lui è una persona a cui sono molto grato, è stato anche lui calciatore professionista. Ho sempre pensato che non avesse senso giocare con il nome di mio padre biologico sulla maglietta, perché non mi ha mai aiutato. Ho quindi scelto così per dare più risalto a Erick, la persona".

Famiglia? "L'unica persona che mi conosce davvero, che ha condiviso con me tutto sin dalla mia nascita, è mia madre. Lei è la persona che ha lottato per dare il meglio a me e ai miei fratelli".

Ambizione? "L'ambizione è molto importante. Una persona poco ambiziosa non ha obiettivi, è difficile che riesca a migliorarsi e a raggiungere qualcosa di importante. Come detto penso che ogni giocatore abbia degli obiettivi a cui aspira, dei sogni. Una persona che ha un sogno è disposta a lottare per ottenerlo. Penso che maggiori sono l'ambizione, la dedizione e la voglia di competere di una persona, maggiore è la sua disposizione a lottare, per raggiungere i propri sogni".

La Fiorentina e Firenze? "Se continuiamo a giocare come stiamo facendo e a essere così uniti possiamo fare bene. Italiano sta facendo un gran lavoro, siamo una squadra molto unita. Lavoriamo molto bene durante la settimana e non esistono 11 titolari fissi. Ci sono due o tre giocatori per ruolo che se la giocano per il posto dall'inizio. Questo riflette il lavoro di mister Italiano, è riuscito a rendere partecipi tutti i giocatori. Non ci sono titolari indiscutibili, tutti devono conquistarsi il posto e questo fa sì che la squadra sia motivata ad allenarsi bene durante la settimana. Con le persone di Firenze il rapporto non può che essere stupendo, ci sostengono sempre quando siamo in campo. Adesso che negli stadi è tornato il pubblico penso che si veda il cambio nell'atteggiamento della squadra. Sono stato costretto a seguire la squadra dalla tribuna per infortunio e ho notato che il sostegno dei tifosi non manca mai. Non smettono mai di cantare e di incitare la squadra. Questo ha fatto stare bene anche me, che ero costretto a stare fuori, e penso che per tutti in campo sia una carica in più."

Fiducia allenatore? "È sicuramente importante. Penso però che prima di tutto sia il calciatore a dover credere in se stesso. Parte tutto da lì. Se hai fiducia in te stesso e sai che in te credono anche l'allenatore, la società e i tuoi compagni, ti senti molto meglio".

Dio? "Sono credente a modo mio. Non vado in chiesa tutti i giorni. Quando ero un bambino e vivevo in Cile, andavamo sempre a una festa in un paese che si chiama la Tirana, un luogo in cui ci sono molti quartieri religiosi. La festa che si chiama la Festa de la Virgen del Carmen. Si tratta di una settimana di festa, una festa religiosa, ci sono molte bande. Questo ha unito molto la mia famiglia".

Musica? "Ascolto tanto reggaeton. Mi piace molto la musica e se devo fare qualcosa è un elemento indispensabile. Mi piacciono molto Ñengo Flow, Daddy Yankee e Anuel. In questo periodo ascolto tanto alcuni artisti cileni, come Pablo Chile, el Pailita, Marcianeke. Sono artisti che stanno emergendo adesso in Cile e che stanno riscuotendo sempre più successo. Ascolto musica diversa a seconda del tipo di momento. Ascolto anche bachata, cumbia e un po' di salsa. A seconda del mio stato d'animo metto la musica più adatta. Io, Nico, o Lucas mettiamo la musica in spogliatoio. Mettiamo tutti la stessa musica, il reggaeton. È un genere che mette tanta allegria, dà la carica giusta per andare in campo e allenarsi con tanta grinta".  

Stile? "A dire il vero non sono un grande amante della moda. Per quanto riguarda i vestiti quelli che preferisco sono quelli neri. Non mi piace mescolare i colori e non ci sono stili o marche che preferisco. Vestirmi di nero mi fa sentire a mio agio".  

Cibo e bevande? "In Cile non si beve molto mate, ma adesso sempre più persone stanno iniziando. Da noi in spogliatoio ci sono Lucas, el Chino, e Nico che lo bevono sempre, quindi ne beviamo anche noi. Del cibo italiano sicuramente non ci si può lamentare, qui si mangia bene. Sicuramente però mi manca il cibo cileno, soprattutto il cibo di mamma. I miei piatti preferiti sono la cazuela, el mote guisado e i porotos, i fagioli. I piatti della mamma sono sempre i migliori".  

tempo libero? "Qui a Firenze nel tempo libero ho cercato di scoprire un po' la città. Mi piace anche stare con i miei amici. Sono un fan dei videogiochi. Mi piace Call of Duty e sto iniziando a fare live su Twitch. Nel tempo libero ascolto tanta musica e gioco ai videogiochi. Mi piacciono tanto i documentari. Tra le serie TV che ho visto recentemente c'è "El Cartel de los Sapos: el origen". Mi piace quel genere di serie, dove si tratta il tema della mafia, della guerra, cose di quel tipo. Narcos, Gomorra, Peaky Blinders. Mi piacciono queste serie".  

Social? "Il problema secondo me è che quando si vince tutti ti amano, quando si perde automaticamente tutti sono scarsi. Ogni giocatore ha diritto di avere la propria opinione, aldilà di pubblicare foto o no. Io però cerco di non pubblicare molto perché penso che una vittoria non significhi che sei forte, così come una sconfitta non significa che sei scarso. Trovo che il tema dei social sia un po' delicato".  

Timidezza? "Sono un po' timido. Con la gente in Cile ho un ottimo rapporto. Ho sempre detto di aver sentito il loro sostegno fin dal giorno in cui me ne sono andato. Sui social solo le persone che seguo possono commentare i miei post. Ci sono tante persone maleducate che scrivono cose che non hanno senso, quindi, per evitare di trovarmi in situazioni delicate, preferisco scegliere io le persone che possono commentare le mie foto".

Tra venti anni? "Non saprei dove sarò tra 20 anni. Non ci penso ancora. Penso molto al presente, al lavoro quotidiano. In futuro ci sarà tempo per continuare a crescere. Non mi immagino nel mondo del calcio. Non penso di avere il carattere giusto per diventare allenatore o vice-allenatore. Preferirei godermi la vita, la famiglia e le persone care".  

Commenti

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
FiorentinaUno, segui i nostri profili social: Instagram, Facebook e Twitter