Commisso Viola Park (ph. G.Morini)
Commisso Viola Park (ph. G.Morini)

Il presidente e il dg viola dai canali ufficiali del club: “Speriamo che nel 2026, anno del centenario, la squadra possa giocare al Franchi”. Il presidente: “Non sono contento dei risultati ma questa è la migliore Fiorentina della mia gestione”

Commisso

Da una parte un pizzico di diplomazia: "Sicuramente restare al Franchi per una stagione è una buona cosa”

Dall’altra una bordata: “Ma resta il dubbio su dove verranno trovati i soldi per chiudere il restyling e per il Padovani. Mi auguro che la Fiorentina possa giocare al Franchi nel 2026, anno del centenario". 

Dopo qualche mese di assenza il proprietario e presidente della Fiorentina Rocco Commisso, ai media ufficiali della società viola, torna a farsi sentire sulla vicenda del restyling dello stadio Franchi dopo che nei giorni scorsi il sindaco di Firenze Dario Nardella ha annunciato che anche con i lavori che cominceranno a breve la Fiorentina potrà giocare nello stadio anche nella stagione 2024-2025. Riporta La Repubblica.

La situazione raccontata da La Nazione

"Di nodi da sciogliere, per la Fiorentina, ce ne sono ancora molti, insomma. Sul fronte di Palazzo Vecchio non ci sono commenti alle affermazioni dei massimi dirigenti della società viola. In compenso, parlano le carte. Per la prossima stagione, l’amministrazione ha offerto il rinnovo della convenzione al prezzo di 600mila euro, importo ridotto rispetto al precedente accorto proprio in virtù della capienza ridotta dello stadio causa lavcori: la prima tranche (da 300mila euro), la Fiorentina dovrà versarla entro la fine dell’anno, la seconda da 200mila entro il 30 aprile del 2025, la terza e ultima, da 100mila euro, entro il successivo 31 luglio.

Nella convenzione, si pattuisce che la Fiorentina potrà giocare gara di campionato e Coppe in uno stadio che sarà però parzialmente inaccessibile al pubblico: 22mila la capienza massima".

La data di inizio dei lavori

"Palazzo Vecchio ribadisce che i lavori di ristrutturazione dovranno iniziare entro il 31 marzo prossimo e finire entro il 31 dicembre del 2026 "al fine di rispettare i termini attualmente previsti dal decreto del ministero della Finanze del 15 luglio 2021 relativamente agli interventi ricompresi nel Piano nazionale complementare al Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, destinato a finanziare specifiche azioni che integrano e completano il Pnrr".

Il cantiere occuperà la curva Fiesole - con probabile quindi spostamento del tifo nella Ferrovia, che nel frattempo verrà restituita alla Fiorentina - e alcuni settori della tribuna e della Maratona.

Verrà spostata anche la sala Gos, sede del "cervellone" delle forze di polizia a presidio di ogni evento sportivo, che verrà posizionata lato Ferrovia anziché nel "Cristal box" situato nella tribuna esterna lato Fiesole. Quest’ultimo, tornerà in gestione della Fiorentina".

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo della Fiorentina senza perdere nessun aggiornamento, rimani collegato con FiorentinaUno.com per scoprire tutte le news di giornata sui viola in campionato e in Europa.

Ripartire dai leader. Italiano chiede una mano ai senatori
Bonaventura, non è più insostituibile. Contro il Frosinone rischia la panchina: I motivi

💬 Commenti