Rassegna stampa

Rassegna stampa, i titoli dei quotidiani di oggi sulla Fiorentina

I temi di giornata di casa viola, tra il colpo Piatek e il caso relativo al rinvio di Fiorentina-Udinese, trattati dai vari quotidiani

Ecco i titoli dei quotidiani di oggi sulla Fiorentina:

La Gazzetta dello Sport: "Colpo Fiorentina, soffiato Piatek al Genoa di Sheva. Ora Vlahovic ha un super vice”. La rosea analizza quello che è il secondo colpo del mercato della Fiorentina ossia, l’arrivo di Piatek dall’Herta Berlino. Il polacco, che sembrava direzionato verso il Genoa, alla fine ha scelto la destinazione viola.

Corriere Fiorentino: "Una Befana senza Franchi”. Il tema qui trattato è ovviamente quello del rinvio della sfida tra Fiorentina e Udinese dovuto alla non partenza dei bianconeri per Firenze. Il club friulano è stato infatti bloccato dalla rispettiva Asl.

La Nazione: "Bum bum Piatek: colpo pistolero”. La Fiorentina ha finalmente un’alternativa di livello a Vlahovic nella propria rosa. L’arrivo di Piatek dall’Herta Berlino consente infatti ai viola di coprire un’altra lacuna della propria rosa.

Corriere dello Sport: "Fiorentina, altro colpo: Piatek il vice Vlahovic”. Anche il Corriere dello Sport analizza quello che è il colpo più importante della giornata, con l’arrivo di Piatek a Firenze. Il polacco potrebbe rappresentare anche qualcosa di più di un semplice vice Vlahovic.

Tuttosport: "Piatek: Fiorentina! I viola battono il Genoa”. La Fiorentina nell’arrivare a Piatek, sorprendendo tutti con un vero e proprio blitz, ha anticipato la concorrenza del Genoa, che fino a poco fa sembrava ad un passo dal riportare a Marassi il pistolero.

La Repubblica: "Fiorentina, la lunga attesa: saltano le prossime due gare”. Come detto oltre al mercato l’altro tema di giornata è quello dei rinvii di diverse gare della Serie A. Tra queste ci sono le prossime due sfide che i viola dovranno sostenere con Udinese e Torino, entrambe bloccate dalle Asl.

Commenti

FiorentinaUno, segui i nostri profili social: Instagram, Facebook e Twitter
Piatek, ecco perché il “pistolero” è più di un vice-Vlahovic