Foto Twitter ACF
Foto Twitter ACF

L'ex allenatore della Fiorentina, Cesare Prandelli, è stato intervistato ai microfoni di Radio Serie A, soffermandosi anche sul momento delle sue dimissioni dalla Fiorentina nel 2021.

Queste le sue parole: “Quando ho accettato di tornare alla Fiorentina c'era il problema del Covid ed era una situazione complicata anche a livello personale. Mi sono messo sulle spalle tanti problemi, forse avrei dovuto limitarmi a fare l'allenatore, e man mano che andavo avanti mi rendevo conto che ero un po' solo, non c'era condivisione sulla progettazione. In Sampdoria-Fiorentina quando Quagliarella ha fatto gol ho sentito un vuoto dentro di 4-5 secondi, mi è mancata l'aria”. 

Conclude così: "Ho parlato con persone competenti e mi hanno consigliato di staccare un po', sentivo il peso della responsabilità, un assillo mentale e un coinvolgimento totale che mi dava malessere ogni volta che entravo al centro sportivo. Abbiamo giocato a Benevento, quando Dusan fece 3 gol, ma mi sentivo a disagio, la cosa è continuata per qualche giorno e dopo la partita col Milan ho deciso di staccare. Non è stata depressione. Non ho avuto paura, anzi piano piano mi sono alleggerito. Molti altri allenatori mi hanno chiamato, mi hanno detto di aver provato cose simili e mi hanno consigliato di riprovarci in un'altra squadra, ma mi piaceva l'idea di chiudere a Firenze. La Fiorentina mi è rimasta nel cuore, all'inizio ho fatto fatica a rivederla, ora la seguo con amore ma non sono più tornato allo stadio. Sicuramente succederà".

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
Napoli-Osimhen, è rottura: Probabile addio a gennaio? Ecco cosa sta succedendo

💬 Commenti

Edito da SoccerCommunication via Senese 230, Firenze (FI)

P. IVA 02014030676
Iscrizione Registro Imprese di Firenze: VRNLRD79L14E058I

Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Firenze Numero:
5993 del 6 Maggio 2015
Iscrizione ROC 31459
Direttore Responsabile: Alfredo Verni

Powered by Slyvi