Italiano (ph. G.Morini)
Italiano (ph. G.Morini)

Il Corriere Fiorentino analizza la partita che questo sabato alle ore 20.45 vedrà la Fiorentina di Vincenzo Italiano scendere in campo in trasferta contro il Torino. E' una gara fondamentale per il raggiungimento della zona europea e per riproporre gli ottimi spunti della partita vinta contro la Lazio. Parola d'rodine continuità dunque ma c'è anche il bisogno di invertire dei numeri non certo da rincorsa europea.

I giocatori della Fiorentina festeggiano un gol in Conference League
Giocatori della Fiorentina 

Un cambio di passo necessario

I numeri attuali della Fiorentina non sono da rincorsa europea. Il ritmo a cui viaggiano i gigliati ora è troppo lento per sperare in un piazzamento. Basti pensare che in trasferta i viola ad oggi hanno raccolto appena 15 dei 41 punti fatti registrare in classifica. Sono state infatti 6 le sconfitte, su un totale di 9, tre i pareggi e appena 4 le vittorie, l'ultima ad inizio dello scorso dicembre a Monza. Da allora in trasferta sono arrivate solo delusioni con le sconfitte sui campi di Sassuolo, Lecce e Bologna.

Serve quindi un cambio di marcia in continuità con la bella vittoria sulla Lazio dello scorso lunedì. Superare il Torino tra le mura amiche però si sta rivelando impresa ardua per tanti. Solo Inter e Lazio infatti ci sono riuscite in questa stagione. Una trasferta quella di Torino che per i viola sta diventando un mezzo tabù, sono infatti sei anni che la Fiorentina non vince sul campo dei granata, dalla stagione 2017/2018 dove allora decisero le reti dei francesi Thereau e Veretout, poi da li sono arrivate due sconfitte e tre pareggi. Il tecnico viola Vincenzo Italiano potrebbe inoltre superare quota 200 punti in Serie A con questa gara.

Leggi Anche:

https://www.fiorentinauno.com/news/188260191750/mandragora-juric-e-italiano-simili-a-torino-per-l-europa

 

 

 

Mandragora: "Juric e Italiano simili. A Torino per l'Europa"
Verso Torino-Fiorentina: scelte obbligate in difesa

💬 Commenti