News

Pagelle F1, Fio-Ver 1-1: Milenkovic impreciso, ma che Torreira!

Tutte le pagelle ed i giudizi della nostra redazione di FiorentinaUno.com su Fiorentina-Hellas Verona 1-1

I nostri giudizi su Fiorentina-Hellas Verona 1-1

Terracciano 6,5 - Regista aggiunto, imbecca con un ispirato lancio Ikoné in occasione del primo gol viola. Per un millimetro non riesce a parare il rigore centrale di Caprari con lo scarpino, ma con il ginocchio nega a Lasagna un gol grande quanto una casa.

Venuti 6 - Lazovic lo provoca più volte nei dribbling tentati, ma Lollo non perde affatto la lucidità e lo contiene per la maggior parte del match a modo. Lo stadio è più che mai con lui. Quanto di lugubre accaduto contro la Juve è, ormai, alle spalle.

Milenkovic 5,5 - Non si accorge dell'anticipo di Lasagna e provoca il calcio di rigore. Pecca a tratti di attenzione. Non il solito e meticoloso difensore, ma una giornata ‘no’ può capitare anche ai migliori.

Igor 6,5 - Il suo mancino è sempre più intrigante, non sbaglia un appoggio a liberare la propria area di rigore. Soffre velatamente Simeone, ma limita e contiene a dovere il cholito, cliente scomodo per chiunque in questa stagione.

Biraghi 6 - In fase offensiva ha sempre assicurato buone prestazioni a discapito di quella difensiva: oggi è accaduto l'esatto contrario. Manca di precisione negli appoggi ai compagni e serve pochi cross, ma limita bene Faraoni in corsia.

Torreira 7 - Il cervello viola domina letteralmente la mediana. Caratterizza la prestazione con plurime verticalizzazioni per gli attaccanti e recuperi palla fondamentali. Corre ovunque e sfiora tre volte il gol. Prima di testa, poi due volte tutto solo davanti alla porta. Solo un'infima zolla gli nega la gioia della rete, ma che prestazione dell'uruguagio! Sost. da Amrabat S.V.

Maleh 6 - La prestazione è equilibrata. Se da un lato deficita di tecnica ed impostazione di gioco, dall'altra c'è tanto sacrificio, scontri a centrocampo e contrasti di gioco fondamentali a contenere gli avversari. Sost. da Duncan 6 - La fisicità del ghanese si rivela fondamentale ad arginare le sortite offensive degli avversari: Italiano va sul sicuro.

Castrovilli 6,5 - Per l'intero match distribuisce palloni, scatta palla al piede a smarcarsi e recupera sfere preziose sulla mediana. Manca qualche tiro in più del dovuto verso la porta, ma per il resto parliamo di una prestazione più che sufficiente.

Saponara 5,5 - Oggi spento ed a tratti spaesato. Troppo spesso non riesce a mantenere il pallone una volta stoppato per l'aggressione dei difensori scaligeri: Italiano se ne ravvede e lo sostituisce immediatamente. Sost. da Sottil 6,5 - Entra al 45' con un piglio decisamente migliore dell'altro Riccardo. Crossa e serve più volte in area la sfera lui che Saponara e Biraghi assieme.

Piatek 7 - Rapace famelico ed ingordo, aggancia con lo scarpino una palla che sembrava persa in area di rigore tramutandola in l'auto pasto: gol da fare vedere nelle academies. Opaco e servito poche volte per il resto del match. Sost. da Nico Gonzalez 6 - Italiano lo imposta a sorpresa falso nueve. Una mossa che si rivela inattesa e che non sfrutta al meglio le caratteristiche dell. Ciononostante, si fa notare e subisce preziosi falli facendosi, però, condizionare un po' troppo dalle provocazioni degli avversari.

Ikoné 6,5 - Ispirato e scattante, ubriaca di finte e dribbling i poveri Lazovic e Casale. Suo il rapido spunto in occasione del primo gol: decisivo ed essenziale. Sost. da Callejòn 6 - Come spesso accade, rende al meglio da subentrante piuttosto che da titolare. Serve potenziali assist per i compagni non sfruttati, però, appieno. Sfiora anche il gol su punizione: centrale ma potente.

 

Italiano 6,5 - Coraggioso ed audace. Ne cambia tre al 1' della seconda frazione con il rischio che il match potesse implodere: ma l'azzardo paga e l'Hellas subisce. La notte gli ha evidentemente consigliato Terracciano titolare tra i pali e la mossa vale, quantomeno, un punto in più in classifica.

Commenti

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
Astori, la Fiesole lo omaggia così...