Foto di Giacomo Morini ©
News

Viola Nation, la replica di McCormack a Commisso: "Una fake news"

Questi alcuni passaggi della replica alle accuse del Presidente della Fiorentina

Sul proprio sito web Mike McCormack ha replicato a Rocco Commisso:

Nella conferenza stampa di martedì 6 settembre 2022 il signor Rocco Commisso ha rilasciato diverse dichiarazioni false e lesive nei miei confronti. Commisso ha dichiarato che l’ho seguito in giro per New York e mi sono avvicinato alla sua abitazione per girare dei video. Ha poi affermato di averlo seguito al Gala di Serie A per lo stesso scopo. Ha sostenuto che mi fossi spacciato per amico di Mario Tenerani e insinuato che un’amicizia con me avrebbe prodotto conseguenze negative per lui e per qualsiasi giornalista che si occupa della Fiorentina. Per giustificare questa affermazione, il presidente ha parlato di una mia presunta e-mail come prova. Ha anche affermato che i giornalisti non lo difendono mai sulla stampa da attacchi razzisti o di altro tipo da parte dei media nazionali. Queste affermazioni sono tutte completamente false.

A maggio di quest’anno ho partecipato al Galà di Serie A al Metropolitan Museum of Art come ospite della Serie A: mi avevano chiesto di aiutarli a pubblicizzare l’apertura di un ufficio negli Stati Uniti. Alla conferenza stampa di martedì, il signor Commisso ha ridotto la mia presenza a tentativo di vedere se lui “fosse stato vivo o morto”. All’inizio ha affermato che l’avessi seguito a casa sua e filmato.

In effetti, ho visto il signor Commisso fuori dal galà. Mentre aspettavamo di entrare al Met di New York, arrivò Signore Commisso, salutò Joe Barone ed entrò. Da fan e giornalista, ho fotografato il breve momento in cui è stato fuori dal museo, così come durante il discorso pubblico del signor Commisso a cena. In seguito ho pubblicato le foto e il video su Twitter qui, qui, qui e qui. Il tenore dei nostri messaggi è stato tutto straordinariamente positivo e abbiamo permesso ad altri giornalisti italiani di utilizzare le nostre immagini e i nostri video nei loro reportage. Alla fine dell’evento, mi sono unito ad alcuni amici per un drink e sono tornato al mio hotel.

L’affermazione che quei tweet fossero un modo per confermare se il signor Commisso fosse, nelle sue stesse parole, “vivo o morto”, è chiaramente falsa. Non ho partecipato a questo evento nella speranza di fotografarlo. Ho partecipato perché raramente mi era stata offerta l’opportunità di interagire con la più ampia comunità calcistica italiana. L’unica altra volta che ho condiviso le immagini del signor Commisso sui social media è stato nel 2019 e su suo incoraggiamento. Inoltre, non l’ho mai seguito a casa sua o altrove. Non sono mai stato nella sua residenza e, sinceramente, non so neanche dove sia. Qualsiasi affermazione contraria è, per usare un’espressione resa popolare a Firenze dal signor Commisso, “fake news”.

Successivamente, il Sig. Commisso ha affermato di avergli inviato una e-mail in cui sostenevo che Mario Tenerani e io eravamo amici, insinuando che qualsiasi associazione del genere con me avrebbe avuto conseguenze negative per lui e per altri giornalisti. Ho incontrato il signor Tenerani due volte, e solo brevemente: la prima quando stava intervistando i tifosi fuori dalla Red Bull Arena per l’International Champions Cup nel luglio 2019, e nel dicembre dello stesso anno nella sala stampa dello Stadio Artemio Franchi.

Fino a questa conferenza stampa, non avevo mai avuto una corrispondenza con il signor Tenerani, con il quale, martedì, mi sono scusato per il fatto che fosse stato falsamente coinvolto in questa storia. Mario ha poi letto ad alta voce su Lady Radio l’email che gli avevo inviato. In tutte le mie comunicazioni indirizzate al sig. Commisso e alla Fiorentina, non ho mai menzionato il sig. Tenerani. I commenti del signor Commisso su di me sono un attacco inaspettato e infondato al mio lavoro e alla mia persona. Questa cosa rappresenta molto più di una notizia falsa.

Finora sono rimasto in silenzio. Dopo aver preso tempo per valutare la mia risposta e chiedere consiglio, ho contattato il club e Mediacom, chiedendo chiarimenti. Ho chiesto l’e-mail che il Sig. Commisso ha utilizzato come base del suo attacco infondato al Sig. Tenerani, nonché ogni altra prova del mio stretto rapporto con il giornalista. Ho chiesto chiarimenti anche sulla storia del mio tentativo di documentare lo stato di salute del presidente. Non ho ricevuto risposta.

Ho riletto tutte le email che ho inviato al Sig. Commisso, alla Fiorentina e a Mediacom. Il nome del signor Tenerani non compare in nessuno di essi. In effetti, in uno cito solo un giornalista per nome: nel 2019 ne ho presentato uno a Mediacom in modo che potessero parlare dell’acquisizione del club da parte della società e delle opzioni per lo stadio. Ciò è stato fatto con il preavviso e l’approvazione di Mediacom e dello stesso giornalista. Il Sig. Tenerani ha il mio massimo rispetto, ma non ho mai e mai rivendicherei un’amicizia con lui per promuovere i miei interessi.

Infine, sono stato incrollabile nel sostegno al signor Commisso sin dal suo coinvolgimento con la Fiorentina, come dimostra il mio lavoro su Viola Nation (esempi qui, qui, qui e qui). L’ho sostenuto attraverso attacchi contro di lui da parte di altri membri della stampa e dei tifosi, ho condannato le discriminazioni antiamericane e anti-meridionali. Ho contribuito a far crescere il Rocco Commisso Fanclub dopo la sua fondazione. Ho, nelle mie interazioni pubbliche e private con la stampa e il pubblico, sempre difeso il signor Commisso. La narrativa che usa in OGNI conferenza stampa in cui nessun giornalista ha sostenuto Rocco dal bigottismo è ancora una volta una fake news.

Ho mandato un’e-mail al presidente due volte negli ultimi due anni, offrendo sostegno sul rapporto del club con i media e con i tifosi. Mi sono offerto di servire in qualche modo da ponte. In precedenza avevo parlato con lui anche della squadra, ottenendo l’accesso occasionale a giocatori e staff per storie da raccontare su Viola Nation, ma poi la relazione è finita quando è scoppiata la pandemia da Covid.

Sono sposato, ho quattro figli e una carriera che include la gestione di uffici in due città diverse. Non ho né il tempo né il desiderio di seguire il signor Commisso in giro per New York City o altrove, come ha raccontato. Non ho alcun interesse a erodere i suoi rapporti con il pubblico o con i media. Tuttavia, non gli permetterò di insultarmi impunemente, o di mentire sulle mie azioni e motivazioni in una stanza piena di giornalisti a 4.000 miglia di distanza da dove lavoro e senza che io stessi assistendo alla conferenza stampa. Spero che altri giornalisti a Firenze e in tutta Italia ora si rendano conto che non devono sopportare questo abuso ogni singola conferenza stampa. Potresti non ottenere mai rispetto, ma non accettare la mancanza di rispetto.

Quando incontrai per la prima volta il signor Commisso nel settembre 2019, mi chiese perché un americano dal cognome irlandese gli parlasse di calcio italiano nel suo ufficio. La mia risposta non è cambiata: amo questo club, i nostri tifosi e la città di Firenze. So che il club non è il gruppo di proprietà o la dirigenza, ma l’amore dei tifosi verso la società. Se il club venisse ceduto domani, continuerei a sostenere la maglia...

Mi chiedo quanti altri al club possano dire lo stesso.

Forza Viola!

Io sto con la Fiorentina!

Commenti

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
Bucciantini: "Attacco? Cambio se ho 2 punte da 20 l'una"
MANUEL CORDERO
Redattore di FiorentinaUno.com. I miei ambiti sono la storia del calcio e le sue applicazioni sul campo: la tattica. Racconto e osservo cosa accadde e cosa accade.