Giancarlo Marocchi (ph. screenshot YouTube)
Giancarlo Marocchi (ph. screenshot YouTube)

Nel lunch match della 25.a giornata del campionato di Serie A, il Bologna ha vinto in rimonta per 2-1 sul campo della Lazio: vantaggio dei biancocelesti con Isaksen al 18', poi rimonta rossoblù con El Azzouzi al 39' e Zirkzee al 78'.

Al termine della sfida il club capitolino ha voluto prendere posizione contro la direzione arbitrale di Fabio Maresca e ha deciso di attuare il silenzio stampa per tutti i suoi tesserati. Da quanto si è appreso c'è stata anche molta tensione durante l'intervallo, quando il tecnico Maurizio Sarri e il direttore sportivo Angelo Fabiani hanno atteso l'arbitro  napoletano nel tunnel per esprimere il disappunto e chiedere chiarimenti su alcuni episodi. 

 A riguardo, l'ex calciatore di Juventus e Bologna, attuale opinionista di “Sky Sport", Giancarlo Marocchi, ha commentato in maniera piuttosto critica questa presa di posizione del club romano. Di seguito vi riportiamo le sue parole.

Giancarlo Marocchi
L'ex calciatore Giancarlo Marocchi

Giancarlo Marocchi, le sue parole

“Torniamo nella preistoria con questa roba qui. Se la Lazio deve pensare di battere il Bologna con due fischi che Maresca non ha visto, mi sembra un po’ poco. Col Bayern ha dimostrato di essere una squadra forte”.

Lazio-Bologna, il tabellino del match

LAZIO (4-3-3): Provedel; Lazzari (75' Pellegrini), Patric (10' Casale), Gila, Marusic; Guendouzi, Cataldi, Luis Alberto (75' Kamada); Isaksen (64' Pedro), Immobile (64' Castellanos), Felipe Anderson. All.: Maurizio Sarri.

BOLOGNA (4-1-4-1): Skorupski; Posch, Beukema, Lucumi, Kristiansen (84' Calafiori); El Azzouzi (72' Aebischer), Fabbian (72' Urbanski); Orsolini (84' Lykogiannis), Ferguson, Saelemaekers (72' Ndoye); Zirkzee. All.: Thiago Motta.

Arbitro: Maresca (Sez. Napoli).

Assistenti: Mondini - Ricci.

Quarto Ufficiale: Feliciani.

V.A.R.: Mazzoleni.

A.V.A.R.: Di Martino.

Ammoniti: 25' Fabbian (B), 35' Cataldi (L), 46' El Azzouzi (B), 79' Marusic (L), 90'+2 Aebischer (B)

Espulsi: - 

 

Pradè: "Rigore a dir poco dubbio, ma andiamo avanti per la nostra strada"
L'opinione: "Non si addossino tutte le colpe a Italiano"

💬 Commenti