Florenzi
Florenzi

Su Il Giornale, Andrea Bianchini torna sulle parole di Alessandro Florenzi nel post partita di Fiorentina-Milan.

Il valore del rispetto

Si può segnare anche senza calciare in porta. Dopo due settimane in cui non si è parlato che del caso Acerbi-Juan Jesus, Alessandro Florenzi si è presentato davanti alle telecamere e invece delle solite soporifere frasi da post partita ha candidamente ammesso: ‘Durante il riscaldamento ho litigato con un tifoso loro. Ha detto talmente tante cattiverie su quello che potevo essere io, sulla mia romanità, sul fatto di essere alto o basso, che non è una cosa giusta per quanto mi riguarda’. La sua voce s’è fatta seria e il pensiero profondo, oltre a combattere il razzismo, il mondo del pallone deve imparare il valore del rispetto reciproco. ‘Non è qualcosa di uguale all’essere razzista, ma non è una cosa giusta. Portiamo non a caso 11 bambini in campo con noi, siamo un esempio per le nuove generazioni. Non manco mai di rispetto e nessuno deve farlo, nè giocatori nè tifosi’, ha proseguito

Acerbi

Il limite da non superare

Anche in campo e allo stadio c’è un limite oltre cui non si deve andare, un discorso che è una goccia di buon senso in un mare di stupidità. Si può essere calciatori senza essere uomini di valore, con le sue parole Florenzi ha dimostrato di poter essere entrambi, genuinità e trasparenza non sono per tutti. Come quando Maignan fu pesantemente insultato dai tifosi dell’Udinese, Florenzi non ci mise molto a prendere posizione. In un mondo di banalità è meglio essere Florenzi

 

Fiorentina-Atalanta, streaming gratis e diretta TV in chiaro? Dove vedere Coppa Italia
Italiano al Napoli? Fin dall'anno scorso fu un suggerimento di Spalletti

💬 Commenti