A Genk, scrive oggi La Gazzetta dello Sport, si teme il pareggio tra Ferencvaros e Fiorentina. Da Budapest però arriva la risposta secca di Stankovic.

Ecco le sue parole:

 “Una cosa impensabile per me e per il mio amico Vincenzo. Io quando sono in campo non conosco neanche mio fratello”. 

Mentre per Italiano non servono parole. Lo dice il suo gioco che riceve i complimenti del collega:

 “Per certi aspetti, la Fiorentina è la miglior squadra d’Italia. Ha una rosa attrezzata per giocare due campionati”.

Col Ferencvaros, Italiano, pur essendo un fan del turn over, sarà obbligato, per le tante assenze, a schierare anche chi finora ha più o meno deluso: da Barak a Maxime Lopez, passando per Parisi. Stasera sono chiamati a una prestazione convincente, per l’obiettivo primo posto ma soprattutto per il futuro. 

 Italiano afferma: 

“Ci teniamo tantissimo ad arrivare primi: per non avere le due gare in più dei playoff in questa calendario fitto, certo. Ma soprattutto per la soddisfazione di aver comandato questo girone difficile. Siamo diventati più maturi, abbiamo il terzo attacco di Conference e non abbiamo mai perso. Le coppe ti danno, non ti tolgono, ti fanno crescere in autostima e personalità”.

ITALIANO

Leggi anche:

https://www.fiorentinauno.com/news/112628502022/kayode-in-campo-ho-ripensato-a-tutti-i-sacrifici?et

Kayode: "In campo ho ripensato a tutti i sacrifici"
Kayode: “Voglio portare la Conference a Firenze. Italiano?”

💬 Commenti