Biraghi (ph. G.Morini)
Biraghi (ph. G.Morini)

"I protagonisti di quel dramma senza ragioni vissuto a Udine il 4 marzo 2018 hanno sempre amato parlare di un virtuale "filo rosso" che, negli anni, ha continuato a unire dirigenti, giocatori e membri dello staff di quella Fiorentina costretti a provare sulla propria pelle la tragedia della scomparsa di Astori", scrive La Nazione

La Fiorentina deve ora rialzarsi e dovrà farlo a partire proprio dalla gara contro il Milan, dove troverà Stefano Pioli uno dei protagonisti di quel dramma vissuto a Udine.

“Stefano Pioli, l’allenatore che sei anni fa riuscì a risollevare dallo sconforto una Fiorentina che..”

Ideale gomitolo di questo legame, che col passare delle stagioni non si è mai affievolito, è stato (ed è tuttora) Stefano Pioli, l’allenatore che sei anni fa riuscì a risollevare dallo sconforto una Fiorentina che pareva sull’orlo del baratro e che per uno strano scherzo del destino, col suo Milan, sarà il prossimo avversario della squadra di Italiano dopo la sosta.

Vincenzo Italiano e Cristiano Biraghi giocano adesso un ruolo importante

Ma se, sei anni fa, fu proprio il grande animo di Pioli a ridare mordente a un gruppo perso e a scuotere le coscienze di un’intera città, adesso dopo la scomparsa di Joe Barone il sentore è che - tra le mura del Viola Park - dovrà essere individuata almeno un’altra guida in grado di restituire forze a un gruppo smarrito. In tal senso un ruolo determinante potrà essere recitato da due leader rispettati da tutti, ovvero Vincenzo Italiano e Cristiano Biraghi.

Vincenzo Italiano e Stefano Pioli

“Il tecnico non ha mai nascosto il suo rapporto con l’ex direttore generale”

Il tecnico non ha mai nascosto il suo rapporto con l’ex direttore generale, che al di là di qualche scontro è sempre stato improntato sul rispetto reciproco e sulla lealtà. Il capitano, figura che rispecchia in pieno i valori della Viola da quando c’è Commisso, può essere invece il trait d’union tra quanto è già accaduto nel 2018 e il nuovo dramma che Firenze è invece costretta a vivere oggi. Non è un caso che il terzino, nel suo post d’addio a Barone, abbia fatto fin dalle prime righe riferimento alla tragedia di Astori: la scorza dura e impermeabile (persino dai dolori più forti) che Biraghi col tempo si è creato attorno sarà il tetto immaginario sotto il quale dovrà da subito ripararsi la Fiorentina.

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo della Fiorentina senza perdere nessun aggiornamento, rimani collegato con FiorentinaUno.com per scoprire tutte le news di giornata sui viola in campionato e in Europa.

Arthur, futuro lontano dalla Juventus: la Fiorentina ci proverà
Il nuovo assetto societario della Fiorentina e le parole di Commisso: il comunicato

💬 Commenti