Benedetto Ferrara
Benedetto Ferrara

Benedetto Ferrara, sulle pagine della Nazione, ha commentato la vittoria della Fiorentina contro il Frosinone.

Ecco le sue parole:

“Chi lo avrebbe mai detto: con un attaccante che vede la porta la vita diventa improvvisamente più bella. Non ci voleva molto per arrivarci. Ci sono voluti due anni, però meglio tardi che mai. Per dovere è giusto premettere che il Frosinone ha reso tutto molto più semplice, nonostante qualche occasione da gol c'è stata. Ora bisognerà aspettare  mercoledì  il Bologna per avere conferme. Ma se questa vittoria era un dovere possiamo dire che la Fiorentina si è tolta di dosso un bel po’ di ansie, quelle di un 2024 iniziato male. E poi è fuori discussione il fatto che con Belotti sembra un’altra storia, si vede l'esperienza dell'attaccante. Oltre al gol, il gallo fa felici soprattutto gli esterni, che ora possono dare un senso al loro gioco. Ikonè ieri era un altro giocatore rispetto a quello che si è visto in questi anni a Firenze. Nico Gonzalez dichiara platealmente la sua felicità applaudendo il gol di Belotti come un tifoso innamorato. Insomma, al di là dei tre punti, era importante ritrovare l'entusiasmo, è fondamentale che la Fiorentina ritrovi l'energia. Belli i cori della Fiesole per Vincenzo Italiano. Belli e giusti”.

Il dodicesimo uomo in campo di ieri, la Fiesole.

Le parole di Belotti post-match

“E' da poco che sono qua, avevo bisogno di una squadra che mi permettesse di esprimermi al meglio. Appena ho saputo di questa opportunità ho deciso di venire qui alla Fiorentina. Mi sono confrontato con il mister e qua so di poter dimostrare il mio valore”.

 

 

Il migliore e il peggiore in campo di Fiorentina-Frosinone
Tuttosport, Belotti è l'attaccante perfetto per la Fiorentina?

💬 Commenti