Esclusive

Esclusiva F1, Chiambretti: "Toro delle meraviglie! Vlahovic? Se va alla Juve sono c**zi amari!"

Dopo la pesante sconfitta rimediata dalla Fiorentina per 4-0 in casa del Torino, abbiamo parlato in esclusiva con Piero Chiambretti, tifoso granata doc

Il Torino ha battuto la Fiorentina infliggendo quattro gol: doppietta di Brekalo, Singo, Sanabria e tutti a casa. Se da una parte c'è delusione e sbigottimento dei tifosi viola, dall'altra c'è da registrare entusiasmo e gioia di quelli granata. Ed in esclusiva ai nostri microfoni di FiorentinaUno.com abbiamo chiesto conferma ad un grande tifoso granata d'eccezione: al noto conduttore televisivo, comico e attore Piero Chiambretti.

 

Innanzitutto, come sta? So che è risultato positivo per la seconda volta al Covid-19…

 

“Mi sento abbastanza bene dai, ieri sera sono riuscito anche a condurre ‘Tiki Taka’ da casa. Quindi bene, dai”.

 

Tra l'altro, dal 15 gennaio saranno ammessi solo 5000 tifosi allo stadio: decisione anomala oppure giusta? Lei che farebbe?

 

“Quando si parla di emergenza, tutto è anomalo. Tutto si fa per cercare di salvaguardare la salute ed il rigore che in queste situazioni dovrebbe avere il cittadino, il tifoso. Non mi spavento di queste normative a tempo. Sono tentativi di limitare i contagi di questo virus, della sua variante omicron che può essere presa come un semplice raffreddore. Bisogna fare attenzione e seguire al più possibile le direttive che provengono dal governo”.

 

Il Torino non vinceva dal 2019 contro la Fiorentina, quanto ha gioito ieri al fischio finale?

 

“E' stata una partita veramente fantastica. Il Toro delle meraviglie. Ma bisogna restare con i piedi per terra. Quest'anno altre squadre più titolate del Torino hanno fatto partite meravigliose per poi incappare tre giorni in prestazioni quantomeno discutibili. Ieri sera, è andato tutto per il verso giusto. La Fiorentina non è venuta a Torino. E' stato tutto molto facile. Una Fiorentina irriconoscibile che ci ha sì battuti all'andata, ma quello era un altro Torino. Credo che Juric si sia preso una rivincita su Italiano che è nella stessa categoria di quegli allenatori emergenti che mi piacciono molto. Spiace avere vinto proprio contro i viola, con i quali siamo gemellati. Ma è stata una grande vittoria”.

 

Dunque, una sorta di vendetta di Juric anche ai danni della Fiorentina per non averlo ingaggiato a suo tempo?

 

“Non credo, perché Juric è una persona molto onesta, sia dal punto di vista sportivo che da quello intellettuale. Se non è andato alla Fiorentina, vuol dire che non doveva succedere. Hanno optato per Italiano, che è un grandissimo allenatore e che avrei visto bene anche a Torino. Ieri ha vinto Juric, vendicando l'esordio di questo campionato a Firenze. Quello lì non era ancora il suo Torino. Era il risultato dei postumi dei due anni precedenti”.

Si può dire che Bremer abbia annullato Vlahovic?

 

“Bremer sta crescendo in modo esponenziale. Quando esplodono, però, è sempre difficile tenerli attaccati alla propria maglia in chiave di calciomercato. Come accade di recente anche alla stessa Fiorentina. E' un giocatore completo, un bravo ragazzo e ieri non ha permesso nulla a Vlahovic. Come giocare per la squadra, segnare ed essere determinante. E invece questo non è successo. Merito al difensore, ma anche al centrocampo della Fiorentina che non ha in alcun modo messo Vlahovic nelle condizioni di dare fastidio a noi ed ad un ragazzino che si chiama Gemello, il terzo portiere del Torino. Magari non ha nemmeno la patente per la macchina, ma è già in Serie A”.

 

Cosa avrebbe fatto da tifoso viola vedendo Nico Gonzalez, ormai sul 4-0, fare una rabona?

 

“Avrei tirato il solito e classico ‘maremma maiala’, nulla di più”.

 

L'anno prossimo dove vedremo Belotti?

 

“Credo che il ‘gallo’ debba molto al Torino e viceversa. E' stato un giocatore che nei due anni più sfortunati della storia recente della squadra si è preso sulla propria gobba, e già ce ne ha un po', l'intera squadra. Ha giocato in tutti i ruoli possibili, si è sacrificato. Grande rispetto al giocatore. Non so se andrà via, ma sicuramente prenderà la scelta più giusta per lui ed il Torino. Mi sembra che, nel gioco di questo Torino, Belotti soffra di più rispetto al passato. Intanto, deve trovare condizione e motivazioni dentro questa squadra. Se le avrà, spero che rimanga. Altrimenti, è meglio che vada.

 

E se Vlahovic va alla Juve?

 

“Come dicono in Inghilterra, sono c**zi amari.

 

(Immagini tratte dal canale IG @pierochiambretti)

Commenti

Ex dirigente FIGC, Valentini: "Ecco come la Serie A dovrebbe gestire i recuperi delle giornate"
Vlahovic, l'Arsenal lo vuole già a gennaio: ecco lo stadio della trattativa