Foto IG @leosena
Indiscrezioni

Ind. F1, Fiorentina su Sena: ci sarà il via libera medico?

Mister Italiano ha avuto il piacere di allenare Léo Sena allo Spezia, lo scorso anno ha già provato a portarlo con sé alla Fiorentina: ora ci riprova?

Quello per Léo Sena è un vero e proprio ritorno di fiamma per l'allenatore della Fiorentina Vincenzo Italiano. Già nella passata stagione il mister ha provato a portarlo con sé a Firenze dopo avere firmato con la società gigliata: salvo poi risolversi tutto con un nulla di fatto. 

Il centrocampista classe '95 alla fine è rimasto allo Spezia e, complici alcuni strascichi avuti dopo avere contratto il Covid-19 a luglio 2021 (in particolare, sarebbe stata riscontrata anche una forma di miocardite secondo la stampa brasiliana), non è potuto scendere in campo per l'intera stagione a causa del mancato ottenimento della certificazione medico-sportiva per svolgere attività agonistica in Italia.

Qualche giorno fa, poi, la decisione: i bianconeri hanno reso noto della rescissione consensuale del contratto con il giocatore. Sena adesso è svincolato ed a breve saprà se potrà continuare, o meno, la propria carriera in Italia a livello professionistico.

E proprio in questo senso, secondo quanto appreso dalla nostra redazione di FiorentinaUno.com, la Fiorentina e Vincenzo Italiano non hanno mai smesso di seguire sottotraccia il calciatore: nonostante tutto.

Quest'ultimo entro il 2 agosto effettuerà una nuova visita medica (test di sforzo con controllo dell'ossigeno) per appurare definitivamente se potrà continuare, o meno, a giocare a livelli professionistici in Italia. Se ci sarà il via libera degli esperti - e se i viola mostreranno un interesse concreto -, la Fiorentina sarà la prima opzione che il centrocampista brasiliano terrà in considerazione. Tutto pur di tornare a lavorare con Vincenzo Italiano, con il quale in passato il giovane si è trovato più che bene: e viceversa.

Commenti

FiorentinaUno, scarica gratis la nostra App per iPhone, iPad e Android!
Italiano: "Sono molto arrabbiato per il primo gol, ma soddisfatto per.."