figc
figc

La riforma della FIGC porterà con sè numerose novità. L'edizione odierna del Fatto Quotidiano ha dedicato un approfondimento ai cambiamenti che potrebbero emergere laddove tale riforma dovesse concretizzarsi. Il titolo che il quotidiano ha dedicato a tale misura è emblematico: "FIGC, riformicchia sovranista: via la C e più giovani italiani".
 

figc

 


La Riforma
 


Il cuore della riforma risiede nel numero delle squadre. Il taglio previsto, infatti, punterebbe a portare dalle 100 oggi esistenti nelle tre leghe principali ad un totale di 80 società. Il taglio interesserà, però, principalmente la Serie C.
La Lega Pro cesserà di esistere e il suo destino andrà incontro ad un accorpamento con la Serie B. Vi sono quindi tutte le premesse per un potere indiscusso della Serie A.
Inoltre, verranno anche modificate le modalità previste per le retrocessioni, che si limiterebbero a 2 dirette e un'altra mediante playoff disputata tra terzultima e quartultima in classifica. A ciò si aggiunga anche il taglio del paracadute per le retrocesse, che dai 60 milioni attuali si ridurrebbe a 30.
Le novità invadono anche l'ambito della Coppa Italia, che diventerà aperta a tutti i club professionistici. 
 

IFAB, nuovo cartellino arancione in arrivo per espulsioni temporanee
Calamai: "Bonaventura al posto di Arthur. A giugno è necessario richiamare Bianco"

💬 Commenti