News

Gattuso: "Non giudico per il colore della pelle. Conosco tanti bianchi che..."

Ai taccuini del Corriere della Sera l'ex allenatore della Fiorentina Gennaro Gattuso si è concesso in una lunga intervistato

Sulle recenti accuse di xeno-omofobia rivoltegli dai tifosi del Valencia sui social l'ex allenatore di Napoli e Fiorentina Gennaro Gattuso si è così nuovamente espresso ai taccuini del Corriere della Sera:

“Non sono come mi descrivono sui social, queste accuse mi fanno soffrire. Si prendono dichiarazioni di anni diversi, le si isola dal contesto e si imbastiscono processi con l’obiettivo di delegittimare una persona, una vita. I tribunali sono cose serie: qualcuno accusa, qualcuno difende, qualcuno giudica. Qui il patibolo tecnologico si abbatte e definisce sentenze senza possibilità di appello. Io non sono un tipo da social. Se mi chiamano Ringhio, ci sarà un motivo. Non vado a caccia di facili consensi, non faccio il simpatico a comando. Sono uno che lavora, che ha sempre lavorato, che ha faticato tanto e che è grato alla vita per quello che gli ha dato. Quando sento dire che sono razzista mi sembra di impazzire. Nessuna persona, mai, può essere giudicata per il colore della pelle. Conosco tanti con la pelle bianca che non si comportano bene. Il razzismo va combattuto, sempre. Ho allenato decine di giocatori che avevano la pelle diversa dalla mia, nel mio ristorante ne lavorano tre, ho avuto compagni di squadra ai quali ho voluto bene. Per me non conta il colore della pelle, conta la persona. La sua onestà, la sua lealtà".

LEGGI ANCHE: Mercato Fiorentina, scambio alla pari con la Juventus in difesa

LEGGI ANCHE: Suarez, River Plate in vantaggio, ma la Fiorentina ha un asso nella manica

 

Commenti

FiorentinaUno, segui i nostri profili social: Instagram, Facebook e Twitter
Mercato Fiorentina, interesse più che vivo per un attaccante della Roma