Questa mattina il Corriere Fiorentino  ha scritto alcune righe firmate dal direttore del quotidiano Roberto De Ponti dove fa il punto sulla situazione stadio.

LEGGI ANCHE LE NOSTRE NEWS

Nardella

Oltre a De Ponti si è pronunciato Dario Nardella ha l'obbligo di investire i 120 milioni incassati dal Ministero della Cultura nella riqualificazione del Franchi entro il 2026. A questi si dovevano aggiungere, scrive De Ponti, i 55 milioni promessi dal governo Draghi e tolti invece da quello a guida Meloni. Il Tar ieri ha respinto il primo ricorso di Palazzo Vecchio chiudendo in pratica la questione, anche se il Comune farà ricorso anche al Consiglio di Stato.

sardella

Le parole di De Ponti

Come sottolinea De Ponti, i soldi dal secondo ricorso non arriveranno e ormai Nardella si è spinto in avanti avendo già speso dieci milioni in concorsi. Forse è stato un azzardo considerando che non è stata coinvolta pienamente neanche la Fiorentina, che in quello stadio ci dovrà giocare. La speranza per De Ponti è che non sia stato tutto una mossa politica perché anche quando Nardella non sarà più sindaco il problema stadio rimarrà.

Qui Milan, un attacco esclusivo: Jovic c'è assiema a Pulisic
Arthur, il metronomo a secco di assist

💬 Commenti